Calanchi di Paderno

Calanchi

Invito ad un viaggio sui colli bolognesi

Ti trovi in località Paderno e davanti a te si apre la distesa dei primi calanchi visibili in questa area collinare di Bologna.

DOVE ANDARE

Prosegui in direzione Sabbiuno. Tra circa un chilometro di strada leggermente ondulata giungerai ad un bivio. Potrai scegliere se prendere la strada verso sinistra che porta al monumento ai caduti di Sabbiuno oppure proseguire dritto in direzione parco Cavaioni, Villa Spada, Porta Saragozza.

CENNI DI STORIA

L’antica località di Paderno

Le prime notizie circa l’esistenza di una località denominata Paterno o Paderno risalgono al 1074. Circa settant’anni dopo, Paderno era tra i beni confermati in concessione al monastero di S. Vittore da Federico I Barbarossa. Il toponimo Paderno, molto diffuso in tutta Italia, deriva quasi sicuramente dal latino fundus paternus (fondo ereditato dal padre); ne è una conferma l’esistenza, documentata dalle carte più antiche, di un fundus maternus nelle vicinanze.
Le argille della zona alimentavano una fornace dove si facevano grandi vasi per fiori e piante, altri recipienti in cotto e laterizi per la città.

La pietra fosforica di Paderno o pietra di luna

Tra le argille di Paderno, per la prima volta in Italia, fu trovata la baritina, conosciuta poi come pietra fosforica di Paderno, per le proprietà luminescenti delle sue polveri sottoposte a un adeguato trattamento termico. Si tratta di solfato di Bario (BaSO4). Alla fine del secolo scorso la baritina era ricercata per la produzione industriale di polveri fosforesenti. Scoperta nel 1602 da Vincenzo Casciarolo, calzolaio bolognese che si dilettava come alchimista, divenne ben presto molto nota e la zona di Paderno fu meta di studiosi e ricercatori.

J.W. Goethe

Goethe, nel suo “Viaggio in Italia”, ricorda che il 19 ottobre del 1786 salì a Paderno attratto dalla fama di questa pietra, e ne raccolse e portò con sé molti esemplari.

 

Testi tratti da:

Fondazione Villa Ghigi, Parchi e Giardini – Bologna, una guida sul verde della città, Bologna, Editrice Compositori, 1996.
Monte Sole Bike Group – Bologna visitata in bicicletta, 1999.

Audio tratti da:

A. Rubbiani, L’appennino bolognese, paesi e paesaggi – Momenti di storia, Bologna, Massimiliano Boni Editore, 1987.

Fotografia:

Meridiana Immagini

Share

I commenti sono chiusi.

Cerca
Un progetto di:

Quartiere Saragozza
Monte Sole Bike Group
ANPI
Istituto Storico Parri Emilia-Romagna
ISREBO

Finanziato da:
Comune di Bologna
Ministero dell'ambiente

Con il patrocinio di:
Quartiere Santo Stefano
Quartiere Savena

Con il contributo di:
Assicoop
Unipol
Coop Adriatica

Grafica, testi e app a cura di:
Voli Group
BitPurple