Mappe dei percorsi

Scarica il tracciato .kmz (compatibile con Google Earth) del percorso San Giovanni in Monte – Sabbiuno – Villa Spada

Da San Giovanni in Monte a Sabbiuno

Il percorso_2

Clicca sulla mappa per ingradire

Il 14 e il 23 dicembre del 1944 i nazisti uccisero a Sabbiuno un centinaio di partigiani detenuti nelle carceri di San Giovanni in Monte.

In poco meno di 13 chilometri, grazie al fluire lento delle pedalate e al silenzio generato dalla scorrere delle ruote, è possibile muoversi all’interno di questa storia. Si parte dall’edificio che oggi ospita il dipartimento dell’Università di Bolo

gna “Storia, culture, civiltà”, si passa per via Castiglione e via degli Scalini per giungere infine al monumento ai caduti che, affacciandosi sui calanchi, invita alla sosta, al raccoglimento e alla riflessione.

Vai alle tappe…

Mappa e altimetria del percorso


Da Villa Spada a Sabbiuno

Dai piedi di via di Casaglia agli estremi confini delle colline bolognesi, il percorso da Villa Spada a Sabbiuno consente di godere di alcune tra le maggiori bellezze naturalistiche e paesaggistiche che la città ha da offrire.

In circa 10 chilometri, accompagnati dal fluire lento delle pedalate e dal silenzio generato dalla scorrere delle ruote, si passa accanto al Parco San Pellegrino, alla scuola elementare Longhena e al Parco Cavaioni, per giungere infine ad un bivio che, se imboccato sulla destra, consente di raggiungere il monumento ai caduti di Sabbiuno. Quest’ultimo, affacciato direttamente sui calanchi, si offre come strumento della memoria per ricordare l’uccisione di un centinaio di partigiani bolognesi, avvenuta il 14 e il 23 di dicembre del 1944, ad opera delle forze di occupazione tedesche.

Vai alle tappe…



Alla scoperta di via di Ravone

Da Villa Spada si percorrono i primi metri di via di Casaglia per poi deviare sulla sinistra ed imboccare via di Ravone, costeggiata dall’omonimo torrente. Si ha così l’occasione di riscoprire l’importanza dell’acqua nella storia della città di Bologna. Verso la fine del 1800 in questa zona sorse uno stabilimento d’acqua salino-iodata, di proprietà della famiglia Boriani, che per qualche decennio richiamò un pubblico numeroso, soprattutto nei mesi estivi.

Percorso ideale per famiglie o persone alla ricerca di ristoro nel verde collinare più a ridosso della città.

Vai alle tappe…

I commenti sono chiusi.

Cerca
Un progetto di:

Quartiere Saragozza
Monte Sole Bike Group
ANPI
Istituto Storico Parri Emilia-Romagna
ISREBO

Finanziato da:
Comune di Bologna
Ministero dell'ambiente

Con il patrocinio di:
Quartiere Santo Stefano
Quartiere Savena

Con il contributo di:
Assicoop
Unipol
Coop Adriatica

Grafica, testi e app a cura di:
Voli Group
BitPurple